Nel 1956 l’Architetto milanese Tomaso Buzzi (1900 - 1981) acquistò e restaurò il complesso conventuale della Scarzuola (il convento è stato fondato da S. Francesco nel 1218). Buzzi edificò accanto al convento la sua Città Ideale, concepita quale macchina teatrale. Ne è scaturito un complesso di grande importanza architettonica, dallo stile indefinibile e con complessi rimandi di tipo iniziatico, che merita senz'altro una visita, a mezz'ora da Walden.